Regione. Disabilità: quando la tecnologia aiuta. Contributi per l’acquisto o utilizzo di ausili/strumenti tecnologicamente avanzati

Area:
Servizi sociali

Pubblicazione:
14/01/2023

Tempo di lettura:
5 minuti

Numero visite:
59 letture

 Fonte: ATS Val Padana.

Tablet.

Regione Lombardia ha pubblicato un avviso pubblico per il riconoscimento di contributi per l’acquisto o utilizzo di ausili/strumenti tecnologicamente avanzati a favore di persone con disabilità o con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA). Nuova modalità dalle ore 12.00 del 16 gennaio.

Di cosa si tratta

Con il presente Avviso Regione Lombardia intende garantire la continuità agli interventi per l’acquisizione di strumenti tecnologicamente avanzati, di cui alla delibera n. 681/2018, al fine di estendere le abilità della persona e migliorare la sua qualità di vita.

L’ausilio/strumento tecnologicamente avanzato deve essere funzionale al raggiungimento/miglioramento:

  • dell’autonomia della persona, con particolare riferimento al miglioramento dell’ambiente domestico;
  • delle potenzialità della persona in relazione alle sue possibilità di integrazione sociale e lavorativa;
  • delle limitazioni funzionali, siano esse motorie, visive, uditive, intellettive, del linguaggio, nonché relative all’apprendimento.

Tipologia

Contributo a fondo perduto.

Chi può partecipare

I destinatari della presente misura sono le persone residenti in Lombardia, che al momento della presentazione della domanda, sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • minorenni o adulti con disabilità;
  • minorenni o adulti (entro il 67°anno di età) con disturbo specifico di apprendimento (DSA) ai sensi della l. r. n. 17/2019;
  • con un ISEE in corso di validità inferiore o uguale a 30 mila euro;
  • che non hanno ricevuto il contributo per l’acquisizione di strumenti tecnologicamente avanzati ai sensi della l. r. n. 23/1999 nei 5 anni precedenti la presentazione della domanda e nella stessa area, tranne nel caso in cui l’ausilio/strumento, anche se appartenente alla stessa area, sia diverso da quello per il quale era stato concesso il contributo.

È prevista la deroga al precedente requisito (relativo ai 5 anni) nel caso di interventi per:

  • sostituzione/adeguamento/potenziamento dell’ausilio/strumento, determinato da variazioni delle abilità della persona, comprovate da relativo certificato del medico specialista;
  • sostituzione di un ausilio/strumento già in dotazione non più funzionante, attestato da un tecnico, tale deroga non è applicabile nell’ambito dell’area informatica nel caso di sostituzione dell’hardware;
  • sostituzione/adeguamento/potenziamento del software specifico per i beneficiari con DSA e per le persone con disabilità.

Si precisa che per la presentazione della nuova domanda deve essere trascorso almeno un anno dalla data di presentazione della domanda precedente per la quale si è ottenuto il contributo.

Ogni possibile beneficiario può richiedere un solo ausilio/strumento per ogni domanda presentata, fatta eccezione per i personal computer ai quali si associano hardware e software specifici, che sono considerati strumento unitario.

Nell’ambito della stessa famiglia, nella quale sono presenti più potenziali beneficiari, è consentita la presentazione di una domanda per ogni potenziale beneficiario.

Caratteristiche dell'agevolazione

La presente agevolazione è finalizzata ad estendere le abilità della persona e a migliorare la qualità di vita delle persone con disabilità e dei minorenni o adulti con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) mediante un contributo economico pari al 70 percento delle spese sostenute per l’acquisto (ovvero noleggio o leasing) di ausili o strumenti tecnologicamente avanzati.

Il contributo è a fondo perduto ed è finanziato tramite risorse autonome regionali, per le spese sostenute relativamente all’acquisto o al noleggio/leasing di strumenti/ausili che rientrino nella definizione di ausilio dello standard internazionale EN ISO 9999: “qualsiasi prodotto, strumento, attrezzatura o sistema tecnologico, di produzione specializzata o di comune commercio, destinato a prevenire, compensare, alleviare una menomazione o una disabilità”.

Tale contributo è previsto per strumenti/ausili con massimali di contribuzione diversificati per le 4 aree di intervento: domotica, mobilità, informatica e altri ausili.

Sono ammissibili al finanziamento gli ausili/strumenti acquistati, compresi quelli utilizzati con titolo diverso dalla proprietà, con una spesa non inferiore a € 300,00.
Il contributo è riconosciuto nella misura del 70% della spesa ammissibile e comunque non superiore a € 16.000,00 ed entro i seguenti limiti:

  • personal computer da tavolo comprensivo di software specifici, contributo massimo erogabile, comprensivo di software di base e di tutte le periferiche, € 400,00;
  • personal computer portatile, o tablet, comprensivi di software specifici, contributo massimo erogabile, comprensivo di software di base e di tutte le periferiche, € 600,00;
  • solo software specifico, qualora il richiedente sia già in possesso del personal computer da tavolo/portatile/tablet, contributo massimo erogabile € 400,00;
  • protesi acustiche riconducibili: contributo massimo erogabile € 3.500,00;
  • adattamento dell’autoveicolo, compresi i beneficiari dell’art. 27 della legge 104/92, contributo massimo erogabile € 7.000,00.

Data di apertura

L’avviso è aperto dal 16 gennaio 2019. Si può presentare la domanda nella nuova modalità dalle ore 12.00 del 16 gennaio 2023.

Data di chiusura

Fino ad esaurimento delle risorse.

Come partecipare

La domanda di partecipazione dovrà essere presentata dal soggetto richiedente obbligatoriamente in forma telematica, per mezzo del Sistema Informativo Bandi Online disponibile all’indirizzo www.bandi.regione.lombardia.it, con le credenziali SPID o CNS o CIE.

A seguito dell’inserimento nel sistema informatico dei dati richiesti, verrà automaticamente generata la domanda di adesione, che il richiedente deve scaricare tramite l’apposito pulsante e prenderne visione per confermare la correttezza dei dati inseriti. 

La domanda di contributo non necessita di firma autografa, elettronica o digitale. Dopo aver preso visione della correttezza dei dati inseriti, il richiedente deve procedere, tramite apposito pulsante, all’invio della domanda al protocollo. 

Si evidenzia che in mancanza di questa fase della procedura, l’invio della domanda non sarà perfezionato. La domanda, una volta inviata al protocollo, non potrà più essere modificata. La mancata osservanza delle modalità di presentazione costituirà causa di inammissibilità formale della domanda di partecipazione.

Le domande sono assegnate alle ATS in base alla residenza anagrafica del richiedente.

Il soggetto richiedente dovrà provvedere ad allegare la seguente documentazione, anch’essa caricata elettronicamente sul Sistema Informativo:

  • il preventivo, o la fattura, o la ricevuta fiscale o lo scontrino “parlante” (con l’indicazione del codice fiscale del richiedente /beneficiario oltre alle tipologie di prodotti acquistati) relativi alla spesa sostenuta, ovvero, in caso di ausili o strumenti particolarmente costosi acquistati tramite rateizzazione, copia del contratto di finanziamento rilasciato dalla ditta fornitrice o dalla finanziaria. Si esclude ogni altro tipo di documento contabile. Ai fini dell’erogazione del contributo non verrà riconosciuta documentazione contabile recante data anteriore a due anni dalla presentazione della domanda di contributo. 
  • il certificato del medico specialista ovvero del medico prescrittore attestante la conformità dell’ausilio prescritto alla maggiorazione della funzionalità da parte del minorenne o adulto disabile ovvero del minorenne o adulto (entro il 67° anno di età) con DSA. 

Il mancato caricamento elettronico dei documenti di cui sopra costituirà causa di inammissibilità della domanda di partecipazione.
Le domande di partecipazione al Bando sono trasmesse e protocollate elettronicamente solo a seguito del completamento delle fasi sopra riportate, cliccando il pulsante “Invia al protocollo”.
A conclusione della suddetta procedura il sistema informativo rilascia in automatico numero e data di protocollo della domanda di contributo presentata. Ai fini della verifica della data di presentazione della domanda farà fede esclusivamente la data di invio al protocollo registrata dalla procedura online.

Istruttoria

Le ATS procedono:

  • alla verifica dei requisiti previsti per l’ammissione al beneficio, nonché della completezza della documentazione da allegare;
  • alla validazione delle domande con identificazione dell’ammontare del contributo concesso.

Sui requisiti autocertificati l’ATS identifica, a campione, le domande su cui effettuare i relativi controlli.

Informazioni e contatti

Per qualsiasi informazione relativa ai contenuti del Bando e agli adempimenti connessi potrà essere richiesta a: ausililegge23@regione.lombardia.it.

Per le richieste di assistenza sulle procedure informatizzate è possibile contattare il call center al numero verde 800 131 151 attivo dal lunedì al sabato dalle ore 08.00 alle ore 20.00 o scrivere a bandi@regione.lombardia.it 

Per informazioni è anche possibile rivolgersi al seguente numero telefonico dell’ATS Val Padana: +39 0372 497 312 oppure scrivere all’indirizzo mail pipss.progettirete@ats-valpadana.it  .

Valuta questo sito